UNA MEZZA MARATONA AL LIMITE

ATLETI EROICI, IN UN METEO PROIBITIVO, HANNO DATO VITA AD UNA GARA EMOZIONANTE E PIENA DI SORPRESE

L’ora guadagnata nel fuso orario deve essere stato un incentivo in più per gli atleti che si sono presentati ai nastri di partenza di una gara che, come aveva preannunciato il meteo, sarebbe stata vessata da basse temperature e forte vento accompagnato dalla pioggia. Ma nessuno di questi avvisi ha frenato la voglia di esserci e di giocarsi ogni possibilità per l’ultima tappa del 2018 della Forhans Cup, lungo il percorso dei ventuno chilometri omologato dai tecnici della Fidal venerdì scorso.

Le condizioni di gara fin dalle prime ore del mattino della domenica, come previsto, non apparivano effettivamente felici e semplicissime, ma anche la riunione tecnica del sabato tra organizzazione, prefetto, e i sindaci di Ronciglione, Mario Mengoni, e quello di Caprarola, Eugenio Stelliferi, aveva fatto emergere il totale assenso tra le parti per correre, come spiegava il presidente del Forhans Team, Gianluca Calfapietra: “Nonostante l’allerta meteo, e il fatto che molte altre gare fossero state sospese, ci siamo assicurati fino a qualche ora prima della partenza, che le condizione di sicurezza fossero rimaste inalterate. Il pericolo principale con le piogge previste anche durante la sera precedente, era quello di ritrovarsi piccoli smottamenti dei terreni circostanti al percorso, invece durante il giro di controllo della mattina tutto aveva fatto intendere che si sarebbe potuto correre tranquillamente”. Ed infatti i circa 800 iscritti si presentavano come da programma al via. Inoltre, proprio a causa della sospensione di molte altre gare, erano molti gli atleti che richiedevano la possibilità di partecipazione all’ultimo momento, ottenendo la possibilità di partecipare così alla Mezza di Vico.

Così ai nastri di partenza tra Mezza e Stracittadina c’era un’affollata linea di partecipanti. Al via la pioggia iniziava a dire la sua, senza essere clemente. Al 10° km di gara si registrava il momento peggiore di maltempo, con la pioggia che si intensificava maggiormente, nascondendo il percorso agli atleti, ma rendendolo allo stesso tempo più avvincente, dando un sapore di sfida diverso dal solito a tutta la manifestazione. “Sarebbe inutile dire che le condizioni del tempo ci sono state avverse, ma mi piace sottolineare che ho comunque visto gente che arrivava con il sorriso – aggiungeva Calfapietra – molti atleti ci hanno scherzato sopra, non ho visto stati musi lunghi, ma divertiti e soddisfatti di essere arrivati al traguardo chiudendo una stagione di gare importante. Sicuramente molti erano infreddoliti, ma gli abbiamo fatto trovare un tea caldo all’arrivo. Il ringraziamento maggiore per noi è stata la manifestazione di molti iscritti di tornare a correre il prima possibile”.

Da partecipante, anche il sindaco Mario Mengoni si è detto entusiasta della riuscita della manifestazione: “Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, i partecipanti, tra cui anche diversi ronciglionesi, hanno risposto con entusiasmo e tenacia, tagliando il traguardo in oltre cinquecento. Da partecipante, ribadisco che correre immersi nella natura rigogliosa del nostro lago è un’emozione indescrivibile, anche quando piove, e condividerla con così tante persone che amano lo sport rende tutto più incredibile. Non è stato facile macinare così tanti chilometri bagnati, ma la soddisfazione di tagliare il nastro del traguardo vale ogni sforzo. Ringrazio ancora il Forhans Team per l’organizzazione sempre efficace della manifestazione, certo che questo appuntamento con lo sport ed il lago di Vico continuerà negli anni”.

La gara maschile veniva vinta da Giuseppe Minici, della Piano ma Arriviamo, in 1:15:57, che precedeva sulla linea d’arrivo il proprio compagno di squadra Alessio Biagioni, di un secondo. Più staccato il terzo, Marius Dijokas, della Runcard, staccato di quasi 2’. Tra le donne invece Giacomozzi Paola, dei Bancari Romani, che con il tempo di 1:27:43.

Per quello che riguarda la Stracittadina, la gara sul percorso di 9km è stata molto combattuta ed equilibrata, con distacchi minimi, sia in campo maschile che femminile. Primo degli uomini Alessio Mechelli, 0:32:28, mentre tra le donne vinceva Laura Milanese in 0:37:38.

Una nota di ringraziamento speciali va a tutte le forze dell’ordine, e le associazioni che sono restate per strada nonostante le condizioni atmosferiche molto al limite, dando una mano fondamentale al successo di una speciale edizione della Mezza di Vico.

Proprio per questa ragione, la consueta cerimonia di premiazione ha avuto alcuni stravolgimenti. Alcuni più fortunati hanno ricevuto i premi direttamente sul campo di gara, per tutti gli altri i premi verranno consegnati prossimamente, previa comunicazione ufficiale tramite i canali della Forhans Team, in alcuni punti vendita selezionati nelle aree di Viterbo e Roma.